Alcol prima sostanza per mortalità

alcol prima sostanza mortalita

La prestigiosa rivista Nature ha comparato alcune droghe per quanto riguarda il rischio di morte per overdose, l’alcol risulta la più pericolosa.

Un recente studio promosso da Nature e pubblicato su Scientific Reports, una rivista sussidiaria del prestigioso magazine scientifico americano rilancia una classifica sulle droghe “ricreative” più conosciute da cui l’alcol esce pesantemente incriminato.

Premesso che tutte le droghe prese in esame sono a loro modo pericolose per la salute e possono portare tutte a morte per il loro consumo, ciò che è abbastanza inatteso è che al primo posto non vi è una droga illegale ma una sostanza di libera vendita (almeno nella maggior parte dei paesi occidentali) o al massimo limitata ai maggiorenni.

Stiamo parlando dell’alcol appunto che dallo studio risulta essere addirittura 114 volte più mortale della cannabis (l’ultima della classifica tra le sostanze prese in esame).
La cosa abbastanza sconcertante è che la marijuana è illegale nella maggior parte dei paesi OCSE mentre ci sono solo altre due sostanze che sono legali nella classifica, una è 4° ed è il tabacco, l’altra è incredibilmente 1° ed è l’alcol.

Lo studio non si sofferma sui danni alla salute o al rischio di morte per uso continuato ma analizza solo la quantità minima da assumere per incorrere in un quasi certo rischio di morte.
Più precisamente il grafico che emerge dallo studio mostra il rapporto tra la dose media consumata della sostanza e la quantità minima che può portare al decesso.

classifica mortalita droghe

Grafico con il tasso di mortalità droghe

Si può vedere che per poter causare la morte del consumatore occorrerebbe assumere 150 volte la dose generica di cannabis, laddove per l’alcol il rapporto tra consumo medio e quantità letale è molto molto più basso.

Questi dati posizionano la cannabis, unica droga dello studio, nella sezione delle droghe a basso rischio di mortalità, laddove l’alcol è la prima tra le droghe ad elevato rischio mortalità. Simili risultati sono confermati da altri studi dell’OMS che per voce di Wayne HAll (Direttore dello Youth Substance Abuse Research presso l’università del Queensland) sostiene che sia praticamente impossibile per un dipendente da cannabis morire di overdose a differenza di quanto avviene con altre droghe.

In conclusione lo studio sancisce che l’alcol è la droga più mortale quando si abusa di quantità rispetto alla dose media. Un tragico primato per una sostanza così diffusa e spesso oggetto d’elezione da parte di tanti dipendenti che vedono unirsi ai vari effetti collaterali dell’alcolismo anche questo rischio di morte improvvisa.

Similar posts
  • Personalità e alcolismo Esiste una personalità che predispone all'alcolismo, o siamo tutti a rischio dipendenza? Scopriamo di più sulla dipendenza alcolica nei giovani e [...]
  • Negazione e alcolismo La negazione e il diniego psicologici come problema principale che impedisce di affrontare l'alcolismo ed ogni altra forma di dipendenza, non solo da [...]
  • I migliori film sull’alcolismo ... Una lista di 10 ottimi film sul tema dell'alcolismo, per riflettere sulla distruttività di questa malattia [...]
  • Motivi per cui si diventa alcolisti Quali sono i motivi per cui alcune persone cadono nell'alcolismo? La bottiglia diventa un bisogno e la falsa soluzione a problemi [...]
  • Alcolismo e trauma infantile C'è un collegamento tra i traumi nell'infanzia e l'alcolismo in età adulta, uno studio di un neurologo americano ci spiega [...]
Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

5 + 8 =