Alcolismo e trauma infantile

alcolismo trauma infantile

C’è un collegamento tra i traumi nell’infanzia e l’alcolismo in età adulta, uno studio di un neurologo americano ci spiega perché.

Le motivazioni che portano all’abuso e alla dipendenza da alcol sono complesse e la moderna neurologia sta ancora studiando i vari aspetti che prima indirizzano all’alcolismo milioni di persone e poi rendono così difficile uscirne.

Certo molti passi avanti sono stati fatti in anni di ricerche e oggi conosciamo molto dei processi che portano a cadere e restare intrappolati nella dipendenza da alcol.

Uno studio interessante in tal senso è quello coordinato dal professor Martin Teicher presso l’università di Harvard e pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (prestigiosa rivista scientifica americana organo del National Academy of Sciences).
In esso un importante tema trattato è il collegamento che c’è tra l’aver vissuto un’ infanzia di abuso o maltrattamento prolungato e il maggior rischio di vivere una dipendenza da sostanze o alcolismo da adulti.
A questa scoperta si è giunti misurando effettivamente le caratteristiche fisiche del sistema nervoso di alcuni individui in esame.

Lo staff del dottor Teicher ha infatti sottoposto a risonanza magnetica il cervello di un campione di 193 giovani tra i 18 e i 25 anni riscontrando che quelli che avevano riferito un passato fatto di abusi e maltrattamenti mostravano precisi segni fisici e differenze sostanziali nel loro cervello rispetto agli esaminati privi di traumi infantili.
Nello specifico la differenza era locata nelle regioni dell’ippocampo e del subiculum, regioni che mostravano una dimensione minore alla norma per valori fino al 6% in meno.
Questo studio conferma ricerche precedenti effettuate su animali in cui forti stress possono portare a una riduzione del volume dell’ippocampo.

Lo studio del dottor Teicher convalida che il cervello umano sarebbe molto sensibile a stressor quali violenze fisiche, sessuali, abbandono o aggressioni verbali e umiliazioni ripetute, soprattutto nel periodo che precede il 13° anno di età.
Un prolungato trauma in questa fase porta a modificare chimicamente la struttura del cervello causando ferite che, per usare le parole che il dottor Ticher usa nel titolo del suo articolo*, non si rimargineranno più.

La vittima quindi di tali violenze fisiche o verbali non pagherebbe solo un prezzo immediato in termini di dolore sia fisico che emotivo, ma anche un danno perpetuo a carico del suo sistema nervoso centrale che minerebbe la sua robustezza psichica e la qualità della sua vita da adulto.

Queste cicatrici neurologiche infatti porteranno la vittima a mostrare comportamenti patologicamente ansiosi, di timore continuato con un rallentamento delle capacità di vivere liberamente emozioni quali gioia e piacere.
Tale sregolazione emotiva porterebbe ad un aumentato rischio di essere vittime di malattie mentali, incorrere in consumo di droghe o abuso e dipendenza da alcol.

Questi dati confermano la percezione empirica di molti operatori nel campo della riabilitazione da alcolismo che sanno essere comune tra i loro pazienti una storia di abusi, maltrattamenti e abbandoni.
Lo studio oltre a rimarcare la grandissima importanza di una totale attenzione sulla qualità della vita dei bambini per garantire adulti sani e funzionali, dà anche un ulteriore tassello informativo a operatori e counserlors nella difficile lotta per liberare alcolisti e dipendenti e restituire loro una vita dignitosa e apprezzabile.

* fonte: Wounds That Time Won’t Heal, Martin H. Teicher M.D., Ph.D.

 

Similar posts
  • Personalità e alcolismo Esiste una personalità che predispone all'alcolismo, o siamo tutti a rischio dipendenza? Scopriamo di più sulla dipendenza alcolica nei giovani e [...]
  • Negazione e alcolismo La negazione e il diniego psicologici come problema principale che impedisce di affrontare l'alcolismo ed ogni altra forma di dipendenza, non solo da [...]
  • I migliori film sull’alcolismo ... Una lista di 10 ottimi film sul tema dell'alcolismo, per riflettere sulla distruttività di questa malattia [...]
  • Alcol prima sostanza per mortalità La prestigiosa rivista Nature ha comparato alcune droghe per quanto riguarda il rischio di morte per overdose, l'alcol risulta la più [...]
  • Motivi per cui si diventa alcolisti Quali sono i motivi per cui alcune persone cadono nell'alcolismo? La bottiglia diventa un bisogno e la falsa soluzione a problemi [...]
Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

1 + 3 =