Dipendenza da alcol: esami, diagnosi e terapie

dipendenza alcol esami diagnosi

Al fine di diagnosticare l’alcolismo non esistono degli esami speciali, ma è solitamente richiesto di fare delle analisi specifiche per comprendere i problemi che possono essere connessi al consumo di alcol.

Chi si rivolge per la prima volta al medico per chiedere un consulto sui problemi legati all’alcol può essere sottoposto a molte domande che interessano le abitudini e lo stesso medico può richiedere di avere un colloquio con familiari e amici per avere un quadro completo della situazione e comprendere al meglio la gravità del problema. Si tratta di una prassi, in quanto una persona alcolista può da un lato minimizzare gli effetti e anche i sintomi della dipendenza da alcol, mentre i familiari e gli amici possono esporli con chiarezza e con il fine di fare del bene al soggetto coinvolto.

E’ importante considerare che le informazioni emerse durante la visita sono strettamente confidenziali e che il medico non può in nessun caso divulgare informazioni senza il consenso del diretto interessato.

Negli Stati uniti, per valutare lo stato della dipendenza da alcool viene applicato un metodo che spesso viene utilizzato anche in Italia e che chiede che esistano almeno tre fra le seguenti situazioni, protratte per un periodo di 12 mesi:

  • analisi della tolleranza: si tratta di un parametro che con il progredire della dipendenza può anche diminuire, in quanto il sistema centrale e gli organi vitali possono risultare deboli e danneggiati
  • i sintomi di astinenza da alcol, che possono comprendere l’insonnia, il tremore, la nausea e i sintomi ansiosi
  • la scelta di bere di più di quello che si desidera in modo razionale
  • la prassi di continuare a desiderare di bere di meno oppure cercare di bere di meno senza però riuscire a farlo
  • la prassi di trascorrere la giornata a bere e a riprendersi dai postumi del giorno precedente
  • la prassi di continuare a bere alcool anche se dal punto di vista razionale c’è la coscienza che esiste una dipendenza

Per aiutare chi ha problemi di alcolismo esistono diversi tipi di terapie, le quali sono variabili da soggetto a soggetto in base alla gravità della stessa dipendenza da alcolici. In alcuni casi può infatti essere necessario il ricovero presso una struttura specializzata, mentre in casi più lievi il processo di guarigione può essere portato avanti anche senza il ricovero, ma con un percorso che mescola una terapia farmacologica a sessioni di aiuto psicologico.

La terapia per l’alcolismo può quindi annoverare la disintossicazione e l’astinenza, dove questa fase dura dai quattro ai sette giorni e vengono prescritti sedativi per lenire i sintomi. Solitamente questa fase viene affrontata in ospedale o nelle strutture specializzate. A ciò fa seguito la cosiddetta terapia comportamentale e il progetto terapeutico, ovvero il paziente viene aiutato da specialisti, e viene chiesto di porsi degli obiettivi e imparare delle tecniche per modificare il comportamento. La consulenza è costante ed è di tipo psicologico.

A queste fasi si possono associare i farmaci. Si tratta di base di desensibilizzanti quali il disulfiram che causa una reazione fisica molto forte quando si assume l’alcool, oppure il naltrexone, un farmaco che blocca le sensazioni positive scatenate dall’alcol e diminuisce il desiderio di bere. Anche l’acamprosato è un farmaco ampiamente utilizzato, che aiuta a combattere la voglia compulsiva di alcol e che è quindi prescritto in questa seconda fase di trattamento.

Commenta

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

4 - 3 =