Gli effetti dell’alcol sulla guida

effetti alcol alla guida

Le persone che soffrono di dipendenza da alcol cercano di tenerlo ben nascosto, soprattutto nei primi periodi di sofferenza. A ciò fa seguito un probabile impiego di mezzi privati quali l’automobile, il motorino o anche la bicicletta, che vengono condotti anche in caso di stato di ebrezza.

I dati parlano chiaro e anche se le pene previste sono diventate molto più severe rispetto al passato, molti sono ancora oggi gli incidenti e le morti che vengono causati dalla guida in stato di ebrezza. Si tratta di un problema che non coinvolge solamente la persona dipendente, ma anche persone che non c’entrano nulla e i familiari, che in caso di incidente si possono trovare a vivere situazioni davvero complesse e problematiche.

Gli effetti dell’alcool sulla guida sono determinati dal fatto che l’alcol è una sostanza psicoattiva, che è in grado di interferire in modo importante sulle funzioni neuro psichiche, influenzando la capacità di attenzione e di reazione agli stimoli. Una persona in stato di ebbrezza può quindi non riuscire ad avere una visuale nitida e non distinguere i giusti tempi di reazione. Questo significa che, se ad esempio un veicolo sta frenando, il guidatore ebbro può non rendersene conto e quindi tamponarlo oppure creare dei movimenti inconsulti che possono dare origini ad incidenti a catena.

La stessa caratteristica interessa la scarsa visuale ed è la causa per la quale le persone in stato di ebbrezza non si accorgono o non si possono accorgere se un pedone sta attraversando la strada. In questo caso l’attenzione è rallentata, quindi c’è il rischio di non accorgersi e di investire, anche di abbandonare il luogo senza essersi accorti dell’accaduto. L’alcol mina inoltre la capacità di giudizio, quindi induce a compiere delle scelte veloci e sbagliate, che si scontrano con la realtà e che possono essere deleterie per il guidatore in stato di ebbrezza.

È importante notare che, a seguito di assunzione di sostanze alcoliche, insorgono disturbi alla vista, soprattutto alla vista considerata laterale che permette di vedere se accadono eventi o si materializzano figure lateralmente. L’alcol agisce sul campo visivo, abbassando anche la visuale nelle ore notturne. Per quanto riguarda il tempo di reazione, l’abuso di sostanze alcoliche rende difficilissima la coordinazione dei movimenti e di conseguenza aumenta i tempi di reazione. Il risultato si legge nell’incapacità di riconoscere e di aggirare gli ostacoli nel giusto tempo.

È infine importante ricordare che nella maggior parte dei casi l’abuso di sostanze alcoliche genera euforia, senso di onnipotenza e anche mancata percezione della paura. Tutte queste caratteristiche sono la causa della volontà di correre e di sfidare il pericolo, che coinvolge soprattutto i consumatori abituali giovani. La volontà di correre si associa quindi alla scarsa visibilità e al rallentamento delle abilità cognitive. Il mix può essere molto pericoloso, perché controllare un mezzo veloce da ubriachi è molto più difficile che farlo in condizioni normali. In questo caso i rischi legati alla guida in stato di ebbrezza si amplificano a dismisura, diventando la causa principale di tanti incidenti stradali.

Commenta

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

4 - 1 =